Back TO Bach nasce nel 2015 come evento straordinario, in occasione dell’esecuzione della Messa in si minore da parte del Coro Maghini, sotto la direzione di Ottavio Dantone a fianco dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nell’ambito della propria stagione musicale.

 

Dall’anno successivo Back TO Bach diventa un festival, ideato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Torino, allo scopo di realizzare un calendario di appuntamenti con la musica di Johann Sebastian Bach che arricchiscano l’offerta musicale della città.

Nel vasto panorama della musica del maestro di Eisenach ogni anno si individua una tematica caratterizzante, come ad esempio I colori di Bach nel 2018, oppure Bach per tutti, tutti per Bach nel 2019.

Dal 2018 Back TO Bach entra a far parte del progetto Intrecci Barocchi, promosso e sostenuto dalla Ragione Piemonte e realizzato in collaborazione con Academia Montis Regalis, Accademia Stefano Tempia e Musici di Santa Pelagia.

 

Scopri la nostra storia

"Questo Festival è anche mio"

Chi siamo 

Vuoi conoscere lo staff che collabora alla realizzazione di Back TO Bach? Vuoi darci una mano? Vuoi conoscere la nostra storia? Naviga nel sito per scoprire tutto di noi!

 

 

 

Nella primavera dello scorso anno, in un momento in cui tutto il mondo della musica e dello spettacolo dal vivo ha dovuto rinunciare al conforto della presenza del pubblico l’Accademia Maghini ha continuato a realizzare progetti che sono stati trasmessi in streaming e seguiti con attenzione da parte del nostro pubblico.

 

Da questa esperienza è nata l’idea di organizzare ogni anno, tra l’avvio della primavera (il 21 marzo, che tra l’altro coincide con il compleanno di Bach) e il periodo pasquale, una sezione speciale di Back TO Bach.

 

Scopri tutto qui! 

Bach ti appassiona? 

Scopri le mille opportunità a te riservate per poter coltivare e vivere la tua passione per Bach e per la musica!

Edizioni Precedenti
 

Ascolta il nuovo CD del Coro Maghini 

listen-on-spotify-logo-4.png
download.png
240928251_2943965369210610_7627445388650243644_n.jpeg

 Composta tra la fine del 1878 e il 79 tra Roma e Budapest, 14 anni dopo aver ricevuto gli ordini minori negli ordini minori, la Via Crucis per soli, coro misto e organo o pianoforte è una partitura emblematica della matura religiosità di Franz Liszt.

Con una scrittura di scabra e ieratica semplicità, tanto più evidente in questa versione originale con pianoforte, Liszt illustra in modo toccante le 14 "stazioni" della salita al Calvario: ne scaturisce una sorta d'oratorio in formato ridotto a carattere narrativo, con l’inserimento di alcuni brani estrapolati da testi poetici della letteratura latina medievale e relative intonazioni gregoriane e passi evangelici tratti da corali protestanti, con la chiara citazione tematica del nome di Bach.

Completano il CD altre rare pagine lisztiane, alcune solamente pianistiche (Trasfiguration e la parafrasi sullo Stabat Mater, ovvero sul medesimo tema utilizzato in tre momenti salienti della Via Crucis), altre con l’apporto di voci soliste e del coro, in cui risalta nuovamente il legame con Bach ( i sette Deutsche Kirchenlieder, in forma di corali luterani e il breve e inedito frammento su B.A.C.H.), l’intensissimo Ave verum corpus per coro a cappella e infine Le Crucifix,  tre visionarie meditazioni su testi di Victor Hugo.

Edizioni precedenti

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon