note di viaggio.jpg

Riscritture

 

Castelfidardo, Italien, 31 gennaio 1883

 

Meine liebe Schwester,

Spero che tu stia bene, e che ti ricordi sempre della tua sorellina. Io da parte mia ti penso costantemente e vorrei tanto poter condividere con te le esperienze di questo esaltante grand tour in Italia che sto vivendo con il mio caro sposo.

Oggi ti scrivo da una piccola cittadina delle Marche; se non l’hai mai sentita nominare non ti preoccupare, cara Lise! Non è infatti celebre come Siena o Arezzo di cui ti scrissi nella mia lettera precedente. Qui, tuttavia, ho fatto una scoperta che mi ha davvero entusiasmata. Devi sapere che c’è un costruttore di strumenti che si chiama Paolo Soprani (nomen omen, direbbero i Latini!) e che ha creato uno strumento musicale davvero straordinario. (Alcuni dicono che in realtà non l’abbia creato ma solo copiato; in ogni caso è stupefacente). Si chiama fisarmonica in italiano, ed è uno strumento veramente curioso. Il suono è simile a quello di un organo, o di un harmonium; però si tiene fra le braccia. Te ne faccio un disegno così potrai capire meglio la sua forma bizzarra.

Udendolo, mi è venuto da pensare a te e al tuo amore per la musica del nostro Johann Sebastian Bach, di cui so quanto sei ansiosa di ricevere i volumi della Bach-Gesellschaft Ausgabe non appena vengono pubblicati. Sapendo che ami tanto suonare i brani di Bach per organo sul pianoforte, visto che per noi donne è praticamente impossibile suonare l’organo, ho pensato che la fisarmonica potrebbe fare al caso tuo: potresti suonare i brani per organo senza pedaliera di Bach su questo strumento anche a casa tua, e sono certa che il risultato non sarebbe inferiore a quello dell’organista della nostra chiesa luterana! E il suono è sicuramente molto più simile a quello dell’organo. Chissà che magari qualcuno, sentendoti suonare, pensi che prima o poi anche noi donne possiamo diventare organiste!

Cosa ne dici, Schwesterlein, vuoi che ti procuri una di queste fisarmoniche?

Attendo tue notizie con la prossima posta. Mi fermerò a Castelfidardo per quindici giorni, per cui se ti interessa che te ne compri una fammelo sapere.

Mio marito ti manda i più cari saluti. Da parte mia, un abbraccio alla mia sorellina con tanto affetto,

            Deine

                        Katharina

Testo a cura di Chiara Bertoglio

Lettura ad alta voce che introduce il concerto del 9 Dicembre a cura di Manuela Marascio allieva della Associazione YOWRAS - Young Writers and Storytellers